Ricerca - Ricerca Scientifica
Ricerca - Ricerca Scientifica - Progressi scientifici nell'individuazione e analisi delle malattie cerebrali

Ricerca 2009-2014


SCHIZOFRENIA: IL RUOLO DELLA PERCEZIONE SOCIALE

Schizofrenia: il ruolo della percezione sociale Pubblicato in questi giorni su Social Cognitive and Affective Neuroscience uno studio fMRI realizzato dal gruppo di ricerca Italiano costituitosi fra le Università di Chieti e di Parma coordinato dal Prof. Vittorio Gallese (foto) che mette in luce le alterazioni del funzionamento cerebrale nella schizofrenia, offrendo nuove spiegazioni sulla natura dei disturbi sociali presenti in questa condizione psichiatrica. < Continua >

IL CERVELLO, FRA PAURA E CORAGGIO

Cervello e paura Chi di noi di fronte al pericolo non ha provato paura? Siamo scappati o abbiamo affrontato il rischio? Quando abbiamo scelto che fare, cosa è accaduto nel nostro cervello in quel momento? Nili e colleghi del Dipartimento di Neurobiologia dell’Istituto di Scienze Weizmann (Israele) hanno risposto a queste domande in uno studio pubblicato su Neuron. < Continua >

DIAGNOSI ALZHEIMER, NUOVI CRITERI IN VISTA?

Diagnosi Alzheimer, nuovi criteri in vista? Una revisione dei criteri diagnostici per l'Alzheimer (AD) che dà maggiore peso ai "biomarcatori" è stata proposta alla recente Conferenza Internazionale della Alzheimer’s Association (ICAD 2010) da parte di tre gruppi di lavoro facenti capo al National Institute on Aging (NIA) dell'NIH americano. Maggiore attenzione agli indicatori preclinici e alla condizione definita Mild Cognitive Impairment (MCI). < Continua >



ANSIA, DEPRESSIONE, DPTS: SCOPERTI FATTORI GENETICI COMUNI

Ansia, depressione, DPTS: scoperti fattori genetici comuni I disturbi mentali presentati da persone che hanno assistito a catastrofi naturali, quali il caratteristico disturbo post traumatico da stress (DPTS), l'ansia e la depressione, sarebbero ereditari e avrebbero fattori genetici comuni. Lo rivela uno studio multigenerazionale condotto dai ricercatori della University of California di Los Angeles (UCLA) < Continua >




INNOVATIVO SISTEMA DI OSSERVAZIONE DELL'ATTIVITÀ
CEREBRALE TRAMITE PROTEINE FLUORESCENTI


Proteine fluorescenti. Fonte: Max Planck Institute Un team internazionale di neuroscienziati coordinato da Mazahir Hasan del Max Planck Institute for Medical Research di Heidelberg è riuscito a visualizzare in vivo singoli potenziali d’azione di neuroni di animali di laboratorio grazie a un metodo innovativo di inserimento di proteine fluorescenti nel cervello mediante vettori virali genetici. < Continua >




UN COMPLESSO DI PROTEINE VEICOLO DELLE PIÙ COMUNI
PATOLOGIE DEL CERVELLO


Un complesso di proteine veicolo delle più devastanti patologie del cervello Le più comuni e devastanti patologie del cervello, quali epilessia, depressione, schizofrenia, disturbo bipolare, ritardo mentale e malattie neurodegenerative tipo Alzheimer e Huntington sarebbero mediate da uno specifico complesso di proteine, identificato per la prima volta e battezzato col nome di “MASC” dai ricercatori dal Wellcome Trust Sanger Institute (WTSI). Lo studio è pubblicato su Nature... < Continua >



I NEURONI SPECCHIO

Neuroni specchio I neuroni specchio sono una classe di neuroni che si attivano selettivamente sia quando si compie un'azione (con la mano o con la bocca) sia quando la si osserva mentre è compiuta da altri (in particolare da conspecifici). I neuroni dell'osservatore "rispecchiano" quindi ciò che avviene nella mente del soggetto osservato, come se fosse l'osservatore stesso a compiere l'azione. Questi neuroni sono stati individuati nei primati, in alcuni uccelli e nell'uomo. < Continua >



L'ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DEL CERVELLO È INNATA

Organizzazione del cervello è innata? "L'organizzazione funzionale del cervello potrebbe essere fortemente vincolata da fattori innati: parti importanti del cervello umano potrebbero essere strutturate in modo innato attorno a pochi domini di conoscenza, critici nella storia evolutiva dell'uomo". Lo ipotizza un nuovo studio Cimec – Università di Harvard, pubblicato il 13 agosto 2009 su Neuron... < Continua >



DEPRESSIONE: IDENTIFICATO MARKER PRECOCE DELLA FORMA FAMIGLIARE

Depressione Un assottigliamento corticale dell'emisfero destro (-28%) sarebbe indicativo di un rischio elevato per la depressione, risultando un marker precoce della forma famigliare. Tale assottigliamento sarebbe analogo a quello riscontrato nell'Alzheimer e nella Schizofrenia. Lo sostiene uno studio realizzato dalla Columbia University Medical Center e dal New York State Psychiatric Institute, pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences... < Continua >